Ruolo e competenze del Tecnico del Controllo Ambientale

Ruolo e competenze del Tecnico del Controllo Ambientale

INDICE

Tecnico del Controllo Ambientale: chi è

Il Tecnico del Controllo Ambientale è la figura professionale che all’interno di un’azienda si occupa della progettazione e dello sviluppo di sistemi per il controllo, la salvaguardia e la conservazione dell’ambiente. In particolare, egli valuta i processi aziendali e l’impatto ambientale da essi prodotto, individua le soluzioni da adottare al fine di intraprendere azioni di miglioramento e collabora con altre figure presenti in azienda per elaborare strategie utili a raggiungere gli obiettivi aziendali nel rispetto dell’ambiente.

Nello svolgimento del suo lavoro, il Tecnico del Controllo Ambientale opera solitamente con strumentazioni specifiche, raccoglie campioni (ad esempio di terra, acqua o aria) ed effettua sopralluoghi dei siti produttivi al fine di effettuare tutte le rilevazioni necessarie a coadiuvare la sua attività di controllo.

Uno dei suoi compiti è poi garantire che la propria azienda operi nel rispetto della normativa vigente in termini di tutela e sicurezza ambientale. A tal fine, può svolgere anche attività di consulenza tecnico-legale e affiancare il management nella definizione di procedure e politiche di sostenibilità ambientale (legate, ad esempio, alla gestione dei rifiuti o all’utilizzo di fonti rinnovabili).

Il Tecnico del Controllo Ambientale è una figura che può operare all’interno di differenti contesti: dalle aziende di produzione, agli studi e uffici di consulenza, fino agli enti pubblici e privati impegnati nella tutela e salvaguardia del territorio.

I compiti del Tecnico del Controllo Ambientale 

Il Tecnico del Controllo Ambientale è quindi una figura che svolge differenti attività. Nello specifico, alcuni dei suoi compiti sono:

  • Progettare e sviluppare sistemi per il controllo e la salvaguardia dell’ambiente.
  • Analizzare le caratteristiche produttive dell’azienda e valutare i processi di tutela ambientale implementati.
  • Pianificare le aree di intervento e le possibili azioni di miglioramento.
  • Garantire il rispetto delle normative vigenti in termini di tutela e sicurezza ambientale.
  • Raccogliere dati, campioni e informazioni attraverso l’utilizzo di specifici strumenti.
  • Collaborare con altre figure tecniche nella definizione di strategie e politiche aziendali volte ad una maggiore attenzione verso le tematiche ambientali.
  • Redigere report.

Le competenze del Tecnico del Controllo Ambientale

Per ricoprire il ruolo di Tecnico del Controllo Ambientale è necessario possedere una formazione tecnico-scientifica adeguata. A tal fine conseguire una laurea in Ingegneria Civile e Ambientale, Scienze Forestali e Ambientali o Scienze Naturali potrebbe essere una buona soluzione.

Fra le competenze tecniche e trasversali che questa figura dovrebbe possedere si possono menzionare:

  • Conoscenza delle normative in materia di sicurezza e tutela ambientale.
  • Utilizzo di strumenti e tecniche di rilevazione specifiche.
  • Capacità organizzative e di programmazione.
  • Doti di problem solving.
 

Fonti

  1. Tecnico del controllo ambientale, Tecnica del controllo ambientale, atlantedelleprofessioni.it 
  2. Tecnici del controllo ambientale, almalaurea.it

Engineering & Manufacturing Technical Recruiters.